skip to Main Content
Erdas2

per acquistare, offerta speciale sino al 30 maggio

special offer since 30th of May

Antonio Valente, Cieco Napolitano. Così questo musicista, napoletano d’adozione, si firma nella sua fondamentale “Intavolatura de Cimbalo” del 1576, il primo libro dedicato unicamente al clavicembalo, redatto con una speciale e complessa notazione musicale inventata dallo stesso autore.
Celebre ai suoi tempi – stimato nel corso dei secoli – ma ai giorni nostri ingiustamente trascurato. Un autore fatto di contrasti, le cui musiche passano da una scrittura coltissima e raffinata a quelle spontaneamente popolari, il tutto condito con sapiente piacevolezza, con arte sopraffina che incanta e seduce.
Nel CD, registrato su due preziosi strumenti della fine del Cinquecento, la musica di Valente è circondata di composizioni di autori coevi di area ispanica, a ricreare l’ambiente musicale della sontuosa Napoli spagnola. Il programma si chiude con un brano del musicista che meglio rappresenta la continuazione dello stile di Valente nell’apoteosi del magnifico e delirante primo Barocco: don Carlo Gesualdo da Venosa con la Canzon Francese del Principe.

Antonio Valente, blind Neapolitan. This is how the composer, an adopted Neapolitan, signed his name in his fundamental “Intavolatura de Cimbalo” of 1576, the first book dedicated exclusively to harpsichord and composed with the special and complex musical notation invented by the composer.
Celebrated in his time and esteemed throughout the subsequent centuries, Valente has been unfortunately neglected in our time. An author of contrasts, his music transmits both cultured and refined writing, in addition to containing an everyman quality; his exquisite flavor infuses wisdom and affability with enchantment and seduction.
On this CD, recorded on two invaluable instruments from the end of the 16th century, the music of Valente is surrounded by compositions of contemporary Spanish realm composers, recreating the musical ambience of sumptuous Spanish Naples. The program closes with a piece from a musician that best represents the continuation of the Valente’s style, glorifying the magnificent and exuberant early baroque: Sir Carlo Gesualdo of Venosa with the Canzon Francese del Principe.